Home
Bosco della Maddalena
Le Case di pietra
Il Castello aragonese
Castello - Le Chiese
Castello - Le piante
Le Chiese dell'isola
Epomeo
Epomeo - Memorie
Epomeo - Zarathustra
Il Fungo
Il Soccorso
La Grotta del sole
La Grotta di Mario
Mondo sommerso
Monumento del Redentore
Osservatorio geofisico
Pilastri
Pinete
Porto di Ischia Ponte
Porto
Porto: cratere/lago
Sentieri
Torri
Zarathustra - Epomeo

 

 


I Pilastri

  Risalendo la china che dal comune di Ischia porta a Barano, s'incontra una fuga di archi in doppio ordine, i quali uniscono i dorsali dell'altura di Fiaiano con le propaggini del monte dei Vezzi.
  A prima vista, tutta la massa violastra della costruzione richiama alla mente la sagoma di un acquedotto romano. Ed infatti molti additano i Pilastri come un'opera di età romana, togliendo ogni merito al Governatore dell'isola che iniziò l'opera e a Mons. Girolamo Rocca, vescovo di Ischia, che la condusse a termine.
  L'opera fu realizzata in pieno '600 e le pietre pomici utilizzate furono prelevate dalle cave vulcaniche dell'Arso prodotte con l'eruzione del 18 gennaio 1301.
  Ad Ischia Ponte, sulla facciata dell'antico palazzo comunale, dove batte il pubblico orologio, si legge una lapide marmorea che commemora l'avvenimento dell'arrivo dell'acqua al centro di Ischia dalla lontana fonte di Buceto, ma viene taciuto il lavoro condotto dal Tuttavilla e da Mons. Rocca:

D. O. M.
Aquam ex fonte Buceti
ad IV M. P. pubblico aere derivatam
labroque ex tiburtino lapide ornatam
et Turri in qua concilia fierent adpositam
Addito horario
Decuriones Pithecusani
Utendam fruendam civibus dederunt
A. MDCC LVIIII

(A Dio Ottimo Massimo - I decurioni ischitani diedero ai cittadini, perché ne usassero e godessero l'acqua derivata a pubbliche spese dalla sorgente di Buceto al quarto miglio, ed ornata di una vasca di travertino e diretta verso sì grande torre, ove si tenevano le adunanze ed aggiuntovi l'orologio. Anno 1759)

  Buceto è una delle tante e benefiche sorgenti di acque fresche che sgorgano dai poggi dell'isola; essa fluisce a ridosso del monte Rotaro.
L'Università di Ischia, per provvedere alle crescenti necessità degli stessi abitanti del Castello, pensò di fare arrivare da Fiaiano, nonostante la distanza di 4 miglia (a Napoli, prima del 1861, il miglio corrispondeva a km 1,855) l'acqua di questa sorgente.
  I lavori iniziarono l'anno 1590, sotto la direzione di Orazio Tuttavilla, allora governatore dell'isola, ma furono sospesi dopo aver interessato due miglia.
  Dopo circa 80 anni Mons. Girolamo Rocca, vescovo di Ischia, si assunse il compito di portare a termine l'opera, con enormi sacrifici e con la sola iniziativa privata.
  Un errore imprevisto ritardò l'arrivo dell'acqua tanto desiderata: si era al primo ordine degli archi, sui quali erano installati i canali per il fluire dell'acqua; la forte pressione fece spaccare i tubi in cotto. Si dovette provvedere rapidamente alla costruzione del secondo ordine di archi e migliorare i condotti.
  Mons. Girolamo Rocca, prima di andare a ricevere il premio dei suoi sacrifici (1692), poté vedere l'acqua di Buceto zampillare, sia pure in modo rudimentale, nel centro di Ischia.
  Solo l'anno 1759 furono erette due fontane nella piazza del Borgo Celso, dietro l'attuale Chiesa Cattedrale, come ricorda la citata iscrizione.