Regine, ex Regine, Principesse, Nobildonne soggiornarono sul Castello d'Ischia

Home  | Pagina precedente 

di Raffaele Castagna

Giovanna d'Aragona | Maria d'Aragona | Costanza d'Avalos Piccolomini | Ippolita della Rovere | Vittoria Colonna junior | Innocenza Gualteruzzi | Lucrezia Scaglione | Isabella di Requesens |Laura Monforte | Giulia Orsini | Isabella Villamarina | Giulia Gonzaga

di Raffaele Castagna

Il Castello d'Ischia, già fortezza aragonese costruita su una rocca inespugnabile, divenne all'inizio del 1500 il simbolo della nobiltà favorevole alla causa spagnola durante l'occupazione del regno di Napoli da parte delle truppe francesi. Esso, strenuamente difeso dai marchesi d'Avalos, Inigo e Costanza, in alcuni momenti ospitò esponenti dell'aristocrazia e della famiglia reale, tra cui regine, ex regine, principesse, nobildonne di antico casato, le quali avevano spesso un denominatore comune: erano consapevoli e orgogliose della loro discendenza, dotate dalla natura di bellezza, ma anche poco favorite dalla sorte. Intorno a questa schiera d'élite, in cui brillavano più di tutte Costanza d'Avalos e Vittoria Colonna, si radunava il fior fiore dell'erudizione del reame: poeti e letterati che cercavano ispirazione nella bellezza femminile e celebravano quelle donne che così bene l'incarnavano.

Nel prezioso ed ampio libro di Suzanne Thérault: Un Cénacle humaniste de la Renaissance autour de Vittoria Colonna châtelaine d'Ischia (1), un capitolo è appunto dedicato alle "donne" del Castello, alcune ivi presenti soltanto episodicamente, altre invece in soggiorni più o meno frequenti e lunghi, per restare lontano dalle vicende della guerra, ma anche per dimenticare le amarezze della loro vita.
Dal libro citato sono tratti i passi che seguono.

Giovanna d'Aragona

Appartenente ad una casa reale per un ramo, in qualche modo, illegittimo, era pronipote del grande Alfonso (I) di Aragona e si trovava ad essere al tempo stesso la nipote e la cugina per affinità di Giovanna II di Aragona regina di Napoli; è inoltre di illustre discendenza per sua madre, Castellana di Cardona, e diventa, con il matrimonio con Ascanio Colonna, duca di Paliano, cognata di Vittoria. Ad Ischia, dove verosimilmente nacque (1502) e dove i suoi legami familiari potevano condurla e farla dimorare infatti in certi momenti della sua vita, la sua presenza è attestata storicamente abbastanza tardi, nel 1538, pressappoco nel momento in cui quella di Vittoria ha termine; ma ciò senza nessun rapporto di causa ed effetto, perché le due cognate si intendevano perfettamente. Là dove l'armonia regnava meno, è nella casa di Ascanio che doveva del resto, con l'interesse che portava alla magia, essere un marito abbastanza fastidioso che il temperamento di Giovanna non aiutava a sopportare. "Bellissima, ma fredda", dice di lei Amalia Giordano (2), citando Filonico, ed aggiungendo: "Giovanna somiglia più a Vittoria che, in effetti, ebbe con lei maggiore familiarità, non solo perché era una più stretta parente: forse la stessa freddezza, nell'una e nell'altra, allontana i loro sposi. Giovanna doveva, tuttavia, essere molto più bella della cognata. Lo stesso Filonico, che nelle lotte di continua gelosia tra la duchessa di Paliano e sua sorella, doveva ben accordare la preferenza a questa ultima, non manca di stabilire dei paragoni molto lusinghieri per lei... Giovanna superava tutti gli altri in bellezza... .". La somiglianza con Vittoria è puramente morale;ci si stupisce solamente un poco dell'allusione alla freddezza della marchesa, sposa così ardente sotto l'aspetto letterario
In ogni caso, Giovanna fu considerata nel suo tempo poco favorita dalla sorte: Costanza di Francavilla, interrogata sulle donne della sua epoca che giudicava essere infelici, avrebbe risposto che considerava come tali "la duchessa di Tagliacozzo Giovanna di Aragona Colonna, la principessa di Salerno e la duchessa di Amalfi Costanza d'Avalos Piccolomini, poiché, dotate dalla natura di bellezza e di alto lignaggio, dalla fortuna, dal destino e dalla buona sorte di un onorevole matrimonio, sono tutte e tre, nel fiore dell'età e nel loro più grande splendore, così poco considerate dai loro mariti".
Nel 1536, dunque, Giovanna d'Aragona pregò l'imperatore, a Marino - dove era anche Vittoria Colonna - di darle i mezzi per vivere separata da suo marito; ricevè tremila scudi annui. Ascanio partì per la Lombardia, e lei, fingendo di andare ai bagni di Pozzuoli, "con tutti i beni di Ascanio, la famiglia ed i bambini, si porta ad Ischia, mentre la marchesa Del Vasto parte per la Lombardia"; poi, per volontà imperiale, va a Castel dell'Ovo. Ma, il 10 aprile 1541, durante l'assedio di Paliano, mentre la terribile lotta tra Ascanio e Paolo III, a proposito della tassa sul sale, si avvia alla sua conclusione, è da Ischia che Giovanna, tramite il vescovo dell'isola (3), scrive al papa esprimendo dei sentimenti analoghi a quelli che si trovano in due sonetti di Vittoria inviati allora al pontefice. Degna del fiero coraggio delle sue parenti Vittoria e Costanza, riunì anche lei delle armi e degli uomini, e vendette dei gioielli per la difesa di Paliano. Ecco il passaggio essenziale della sua lettera: "Chi serà pio, chi serà misericordio, se la pietà e misericordia non si trovasse in lo erede e legittimo possessor delle sacrosante e divine chiavi del tanto giusto e bon primo pastor San Pietro, e che deve mostrar agli altri con vivi esempii l'umiltà e la clemenza di Cristo, per esser lui perfetto gonfaloniero di quello. Deh! basti a Sua Santità, per il nome e virtù di Gesù la supplico, avere dimostrato già che mal può replicare il suddito con il suo signore; né gli piaccia di permettere che si sparga più sangue delle pecorelle, delle quali Sua Santità ne è vero pastore, ricordevole di quelle divine parole, castigati e non mortificati. La fiducia mia gli è tanto appresso di Sua Beatitudine che, quando questa invasione non dipendesse della giustissima mente e potentissimo braccio della Santità Sua, che, come là, così ancor la subito togliere, ma dipendesse da altri parentadi del mondo che seriano inferiori alla Santità Sua, spererei fermissimamente tanto in lo presidio ed aiuto suo, che ne li porrebbe, per difficili che fosse, silenzio, e che le cose mie resterebbero inviolate e secure".

Maria d'Aragona (SU)

Come Giovanna, come il fratello Antonio d'Aragona duca di Montalto, ella aveva per padre Ferdinando duca di Montalto, figlio illegittimo del re Ferrante I. Trascorre i suoi primi anni alla Corte di Napoli , "cara alla regina Giovanna, cara ad Isabella precedentemente duchessa di Milano", dice il suo biografo Francesco Fiorentino (4); si tratta di tempi posteriori al matrimonio di Bona Sforza, regina della Polonia; dunque posteriori al 1517; siamo sotto i viceré che governano per conto di Ferdinando il Cattolico. Maria, corteggiata dal marchese di Polignano, ma disdegnando i suoi omaggi e la sua bruttezza, sposa, nel 1523, il giovane cugino di Francesco Ferrante d'Avalos che Vittoria, durante gli anni della lega pontificia e di Ravenna, aveva allevato ad Ischia e formato al gusto delle lettere, Alfonso di Avalos, marchese del Vasto, l'adolescente impetuoso, il brillante compagno e successore di Ferrante negli eserciti imperiali, l'uomo che la sua carriera splendente doveva mettere alla testa del comando militare o politico durante una ventina di anni, quello che meritò l'omaggio dei versi dell'Ariosto mentre dirigeva, nel 1532, una spedizione contro Solimano, e che fu scelto come capo nel 1535 in quella di Tunisi. Ricordando il matrimonio di Del Vasto, Amalia Giordano definisce la giovane donna: "la bella aragonese alla quale i poeti contemporanei dichiarano di non sapere attribuire lodi adeguate al suo fascino ed ai doni del suo spirito, ripetendogliele, per non offendere il suo orgoglio più che regale, ogni volta che le fanno risuonare anche in onore della sorella maggiore Giovanna"; e, riportando la lode implicita che abbiamo prima rievocato sotto la penna di Filonico per l'accusa di freddezza portata a Giovanna, la ritiene non priva di verosimiglianza, "se consideriamo di quali legami questa, a differenza della sorella, seppe legare il suo sposo a lei, di una natura non meno impetuosa di quella di suo cugino che aveva modo, spesso, di manifestarsi, per esempio negli amori (tra gli altri quello per Laura di Monforte) che, talvolta, lo distoglievano dal suo amore unico, potente, geloso per la sua donna, oggetto, d'altra parte, di altre passioni non meno forti". Unico deve essere preso evidentemente, qui, nel senso della qualità, poiché altri vi fecero breccia; ma la sua persistenza e la vivacità con la quale era difeso sono tuttavia notevoli. Si riportano spesso le parole di questo marito ombroso che aveva, durante tre anni, preferito alla sua donna la siciliana Laura Monforte, dama di onore della duchessa di Francavilla, poi era ritornato da lei con una violenza di passione e di gelosia compensatrice: "durante tre anni, fui nemico di mia moglie, senza sapere perché; durante altri tre anni ne fui innamorato, e tutto il tempo restante sono stato con lei vero marito". La presenza di Maria ad Ischia è attestata abbastanza spesso. In generale, sarebbe difficile, anche ad un cronista del tempo, di precisarla, perché la marchesa fa parte di una classe sociale dalle molteplici dimore. Vittoria Colonna e Giovanna ce ne hanno dato l'esempio; in quanto a lei, il suo biografo Fiorentino ci segnala che nel 1538 "abbandonò il palazzo della riviera di Chiaia, la città di Pozzuoli ed il castello di Ischia, tra i quali era solita dividere il suo soggiorno, ed andò ad abitare il palazzo ducale di Milano". _ Ischia è dunque un luogo mai lasciato, di dove ad ogni istante si può ripartire o piuttosto ritornare verso la costa. Ma, dieci anni prima, abbiamo la certezza del suo soggiorno ad Ischia, dove, essendovisi rifugiata come tanti altri, doveva, per forza di cose, restare; cioè durante l'assedio di Napoli del 1528 (5) e la battaglia navale in svolgimento nelle vicinanze. Tre anni più tardi, alla nascita del suo primo bambino, dopo otto anni di matrimonio, si è tentati di localizzare anche questo avvenimento ad Ischia, fondandosi sulla suggestione di un carme (6) "che scrisse in questa occasione Giovanni Filocolo di Troia, dedicandolo alla principessa di Francavilla, e raccomandandole di leggerlo con Vittoria Colonna che dovette dunque assistere alla nascita. La dedica porta la data del 5 agosto 1531, ed il bambino (recens editus infans) doveva essere nato da alcuni giorni. Il poeta che era stato il precettore del marchese del Vasto, parla con entusiasmo di questa discendenza tanto desiderata". La presenza di Costanza di Francavilla, poiché doveva "leggere con Vittoria", dà una grande probabilità all'ipotesi di Ischia
Nel 1535, all'epoca della venuta dell'imperatore dopo la spedizione di Tunisi, è ancora Ischia che cita il biografo: "E lei uscì dall'isola solitaria, invidiata tra tutte le belle che brillavano alla corte imperiale". Abbiamo visto che lascia la regione nel 1538 quando suo marito diventa governatore di Milano. Molto più tardi, ritornerà nell'isola: vedova da un anno, e l'anno della morte di Vittoria che, già più di dieci anni prima, l'aveva lasciata. Questo è, in quanto al periodo qui studiato, un crepuscolo, non troppo tardivo per questa donna ancora giovane, e non senza poesia. Lasciando Pavia, e ritornando verso Napoli, aveva affidato l'educazione di suo figlio maggiore, di circa sedici anni - aveva sette figli e siamo nel 1547 - all'umbro-toscano Luca Contile; che scrive da Ischia a Bernardo Spina, l'11 febbraio: "Siamo arrivati qui ad un'ora della mattina, passando da Cuma, e là siamo saliti in una delle galere del signore Antonio Doria". Allora "alternava il suo soggiorno tra Napoli e l'isola d'Ischia, feudo dei di Avalos", dava dei ricevimenti e non mancava di nuovi ammiratori (7). Luca Contile che provò una viva ammirazione per la natura della regione napoletana, descriveva (8) a Bernardo Spina, con parole piene di entusiasmo, le bellezze dell'isola e della città di Ischia che mira da un lato il Vesuvio, dal quale il sole, al suo levarsi, salutava fin dalla mattina le finestre della marchesa. L'isola, ricca di giardini, di ville e di campi coltivati, ricca di viti che producevano il vino greco ed il vino sorbegno, era, sulla costa che guarda Gaeta - meno sicura contro le invasioni barbare - più adatta alla villeggiatura. Si trovavano in altura, nella parte più elevata, delle ammirevoli foreste di cedri, limoni, cedronelle ed aranci. La parte occidentale era fornita di selvaggina; di fronte a Cuma, un lago formatosi da una frana di montagna era pieno di folaghe che si uccidevano nei concorsi di tiro; e la marchesa, precisamente in questi giorni, aveva invitato numerose signore a cacciare. La città, un tempo chiamata Pitacusa, a causa dei tanti vasi di terra che vi si fabbricavano, è su uno scoglio staccato dall'isola, a distanza di un tiro di archibugio, verso ovest; aveva delle belle case, e delle belle donne, "dalla taglia slanciata, di colorito olivastro, ma di civile e nobile aspetto": donne che Contile, abituato agli intrighi principeschi, credeva essere "della stirpe di questi figli di Re, e di questi cavalieri della casa d'Avalos". Il discepolo di Contile che doveva portare il titolo, anche lui, di marchese di Pescara, fu investito della signoria di Ischia.

Costanza d'Avalos Piccolomini (SU)

Sorella di del Vasto (9) e dunque cugina del marito di Vittoria , Costanza d'Avalos junior sposò Antonio Piccolomini, duca di Amalfi, capitano generale di Siena, e questa unione non fu felice. Neppure la carriera di suo marito, perché fu due volte allontanato dal suo incarico, la seconda volta nel 1541 e definitivamente. "Il duca sceglie per residenza l'isola di Nisida, vicino a Napoli. Costanza, che aveva dato al maggiore dei suoi figli il nome di suo padre, Inigo, ed a sua figlia quello di Vittoria, era, come questa, una donna devota e dotata di talento. Non solo era stata la sua compagna nelle riunioni di Valdès e nella società di Ischia, ma scrisse delle poesie quelle poche che ci sono rimaste ce ne farebbero desiderare un più grande numero, perché dobbiamo ammirare in quelle che possediamo la ricchezza di profondi sentimenti e di pietà cristiana". Sembra che abbia coltivato gli studi di filosofia, e, di questa vita molto imparentata con quella di Vittoria, Reumont annota un altro tratto parallelo: il ritiro in un convento, quello di Santa Chiara a Napoli. Ma non si tratta degli anni della sua lunga vecchiaia, perché, nel 1541, mentre Vittoria, da molto, aveva fatto ritorno in Italia centrale, Costanza si ritirò ad Ischia coi suoi figli (10).

Ippolita della Rovere (SU)

Per cambiare, ecco una donna felice; se non è al momento ad Ischia, che è la terra regale della sua bella famiglia, vi si trova il suo futuro marito: Antonio d'Aragona, duca di Montalto, fratello di Giovanna d'Aragona e dunque cognato di Ascanio Colonna.Il ramo dei Montalto, l'abbiamo visto, scendeva da Ferdinando, figlio illegittimo del re Ferrante I. Ippolita era figlia dei duchi di Urbino Francesco Maria Della Rovere ed Eleonora Gonzaga con cui Vittoria fu in corrispondenza relativamente frequente (109); non solo amici, ma parenti: Francesco Maria era suo cugino germanico (11). La loro figlia Ippolita è dunque nipote "secondo la moda della Bretagna" di Vittoria; ed il suo futuro marito, alleato. Ciò non costituisce una parentela; ma, qualunque ne sia la ragione, troviamo negli elenchi di documenti ufficiali una dispensa, del 26 gennaio 1532, che autorizzava il loro matrimonio, confermato il 25 aprile seguente (12). Tra le due date, una lettera di Vittoria, del 16 febbraio, faceva allusione alla decisione di questo matrimonio; alcuni mesi più tardi, il 24 ottobre, parla della prossima partenza di Antonio e della gioia che manifesta; ma un'indisposizione passeggera lo trattiene, perché, nella lettera, datata da Ischia, il 31 ottobre, ed inviata ad Eleonora Gonzaga, Vittoria, tra l'altro, così scrive: "Qui si trova il signore don Antonio, più bello che mai, dedito tutto a Donna Ippolita, ed egli desidera tanto venirsene [vicino a lei] che me ne rallegro molto". Paolo Giovio, scrivendo il 4 dicembre 1531 a Federico Gonzaga duca di Mantova per trasmettergli una lettera e dei sonetti della marchesa, gli segnala che avendo passato gli ultimi giorni "ne la beata isola di Ischia" ha appreso il successo delle famose e felici nozze: nessun dubbio che si tratti di Ippolita, parente dei Gonzaga.
Nella lettera del 16 febbraio che parla di questo matrimonio, Vittoria manifesta verso la figlia di Eleonora un interesse che paragona a quello che prova per la "sua propria Vittoria": si tratta della figlia di Ascanio.

Vittoria Colonna seconda (SU)

Altra figura femminile della famiglia Colonna ad Ischia, ma appena accennata: un viso da bambina. Tuttavia, sembra che la citata lettera tronchi l'esitazione che si è potuta avere sulla data della sua nascita: 1525 o 1532 (13). In questo secondo caso, ed ammesso che fosse all'inizio dell'anno, l'allusione affettuosa di sua zia, anche tenuto conto del sentimento di consanguineità, non si spiegherebbe, mentre sembra riferirsi ad una piccola bimba di sette anni sulla quale avrebbe avuto, secondo alcuni, influenza, avendola vicino a lei ad Ischia. Questo non è provato; ci accontentiamo di presentare l'ipotesi, per non passare sotto silenzio quella che è stata chiamata la seconda Vittoria. Più tardi, l'una e l'altra si rividero a Marino; ma, nel 1538, la giovane Vittoria seguì sua madre al Castello dell'Ovo. Doveva sposare, nel 1552, il figlio del viceré don Pietro di Toledo, don Garcia.

Innocenza Gualteruzzi (SU)

Avviciniamo a lei un'altra figura di ragazza, oggetto, certo, dell'attenzione materna ed educatrice della marchesa, ma in un'epoca di cui l'indeterminazione non ci permette, a proposito di Ischia, che un'ipotesi improbabile. Porta un nome al quale suo padre ha dato una regale notorietà all'epoca. Visconti, parlando dei familiari della marchesa, ricorda l'amicizia di Vittoria per Carlo Gualteruzzi da Fano, amico di Bembo, ed aggiunge che aveva una figlia, Innocenza, che Vittoria volle avere con sé ed alla quale non solo manifestò affetto, ma trasmise la sua benefica influenza.Ci fu reciprocità di servizi, perché la sua protetta l'aiutò "a mettere in ordine ed a trascrivere i suoi versi che non smise mai di rimaneggiare e di limare con la cura che i manoscritti ritrovati manifestano ampiamente". Dice, inoltre, Visconti che la ragazza si fece religiosa ed entrò nel convento di S. Silvestro in Capite, dove è ancora, nell'orbita della marchesa. Da quanto tempo era sua allieva e sua ospite? Non diciamo subito la "sua segretaria", perché è molto evidente che non ha cominciato immediatamente, e, d'altra parte, il ruolo di segretario tenuto, sembra, dal 1527, da Giuseppe Jova da Lucca, non esclude necessariamente una seconda mano al lavoro.

Lucrezia Scaglione (SU)

Lucrezia Scaglione "rivaleggiò, lei che non era nobile, con le donne più nobili del suo tempo, suscitando così una grande gelosia». Il cronista dei Successi ha sottolineato questo aspetto, ma non l'ostilità: "per la sua bellezza, il fascino dei suoi modi, la vivacità e la grazia della sua parola, era apprezzata dalle principali dame di Napoli e non c'era salotto, dove si teneva in festa tutta la società, al quale lei mancasse; così che non si dava festa dai grandi della città dove non si trovasse"; ed altrove: "fine nei giochi di spirito, molto competente in musica". Egli completa questi tratti con una descrizione delle sue avventure amorose, su suo marito (14), come sul viceré Carlo di Lannoy, perdutamente innamorato; ma aggiunge una considerazione di ordine generale: "nessuno deve stupirsi che, liberale dei suoi favori verso il viceré e dunque sconveniente, fosse ammessa tuttavia ai colloqui di altre donne rinomate caste, ed onorate, perché, se bisogna dire la verità, quasi nessuna di esse, in effetti, era tale". La passione di Lannoy non fu priva di noie. Lucrezia aveva una famiglia collaterale, dove non si ritrova l'equilibrio che sembra essere stato quello dei suoi antenati borghesi. Sua sorella Antonia aveva sedotto - spiacevoli rapporti con Vittoria, quelli - il marchese di Pescara; e i suoi fratelli Prospero ed Alfonso Scaglione, due insolenti mascalzoni, fecero, senza vergogna, delle relazioni delle loro sorelle un pretesto per imbaldanzirsi. La casa di Lucrezia, dove abitava anche Antonia, era movimentata dalle loro irruzioni e dall'eco delle loro malefatte commesse a Napoli; spiacevole evento per il viceré.
Per Lucrezia, indubbiamente legata ai capi imperiali di Napoli, poi fu, alcuni anni più tardi, la volta del principe d'Orange; e si dice che lo stesso Pompeo Colonna ebbe parte nella sua benevolenza. Il disgraziato Paolo Carafa, marito condannato da un amore smisurato ad un'eccessiva pazienza, è presente vicino a lei quando si ritira a Sorrento coi suoi figli - aveva tre figlie che dalla madre avevano ereditato la bellezza e la leggerezza - nel momento in cui la discesa di Lautrec su Napoli rese il luogo poco sicuro; ma, ciò che c'interessa di più, lei non si accontentò di Sorrento, perché è ad Ischia che la vedremo ritirata nel 1528. "Tra le signore che si erano riunite ad Ischia per mettersi in salvo", dice Amalia Giordano, "lontano dalla città assediata, abbiamo ricordato Lucrezia Scaglione. Sembra che una grande cordialità l'abbia unita a Vittoria, al punto che questa scrisse per lei, nella nostra lingua, una composizione elogiativa sotto forma di epigramma, della cui traduzione in latino.. si occupò Minturno".

Isabella di Requesens (SU)

Non ci si stupisce di vedere il marchese di Pescara là dove c'è una bella donna da corteggiare; e, a seguirlo, perderemmo di vista Ischia tanto facilmente come egli dovette lasciarvi sua moglie. Tuttavia, l'episodio delle sue cortesie ad Isabella di Requesens è troppo spesso ripetuto perché passassimo sotto silenzio questa bella spagnola, moglie del viceré Ramondo di Cardona, che ferì Vittoria. Si era verosimilmente poco dopo il 1509 - il Pescara era, dice Filonico, "maritato di fresco" - al tempo in cui la giovane coppia Pescara-Colonna, quando la vita militare ne lasciava il tempo libero, passava di ricevimento in ricevimento e da Napoli ad Ischia. Isabella di Aragona, duchessa di Milano, era sempre presente a queste feste; sembra, se si crede a Filonico (15), che la sua personale suscettibilità si sia irritata dell'incostanza di d'Avalos che, da parte sua, senza scoraggiarsi , tentava di vincere la resistenza della viceregina (16). Fu ad una collana, sottratta a sua moglie (17) "una cintura di perle e di altre preziose gemme", che afffidò la sua speranza, ed egli la fece scivolare nella scollatura della dama. Questa finse di non aver visto niente. Ma di questa collana, dissimulata agli sguardi, quando fu libera di disporne, fece tranquillamente un'arma: la mandò a Vittoria. "A donare", dice il cronista; ma corredata con la raccomandazione di ben custodirla perché in avvenire non fosse rubata da qualche domestico; se anche questa parola "dare" significa un pretesto di regalo, il veleno della restituzione è appena mascherato. La marchesa dovette manifestare certamente un cattivo umore; suo marito le avrebbe risposto elegantemente che prestare attenzione a basse manovre di questo genere non era degno di lei, ed alla viceregina che questa collana in effetti non c'era neppure, senza disarmare tuttavia al suo sguardo. Si può pensare che Napoli e soprattutto Ischia videro le lacrime di Vittoria.

Laura Monforte (SU)

Questo sgarbo di Francesco Ferrante non è collegato ad Ischia che per una collana, ed alro; ma, una ventina di anni più tardi, quello di suo cugino del Vasto si verificherà nell'isola, poiché Laura Monforte era dama d'onore della principessa di Francavilla. Aggiungiamo alcuni tratti della sua figura. Meno bella, a credere a Filonico di Maria d'Aragona, di cui dovette essere la rivale, possedeva probabilmente la sovrana seduzione dello sguardo; così Giano Anisio, sembrando accentuare all'estremo una banale metafora, vi mette un'intenzione ben precisa: "Laura oculis rebar solis inesse faces", e "Illius immo oculos solem superare nitore - rebar, quum procul est nube serena dies". Nata nel 1517 da una famiglia nobile originaria di Amalfi, i d'Aflitto, sposata con un uomo di venticinque anni più vecchio di lei, discendente dai Monforte, sarebbe venuta, dopo avere dimorato a Nola, alla corte dei d'Avalos. È qui che, dal 1535 al 1538, Alicarnasseo segnala la passione di del Vasto per una donna di questo nome; è di qui che, quando partì come governatore da Milano, dovette passare alla corte del viceré Toledo, e, diventata vedova, avrebbe sposato il siciliano Luigi di San Lorenzo, secondo l'asserzione di Filonico. Le date probabili sono corroborate dall'apparizione di una Laura Monforte in una poesia elogiativa abbastanza conosciuta, scritta nel 1535.

Giulia Orsini (SU)

Questa figura, abbastanza imprecisa, legata al tempo stesso ai d'Avalos ed a Tansillo, è, almeno, non tragica. Ancora più imprecisa è quella di Giulia Orsini, moglie di Piero Antonio Sanseverino, principe di Bisignano: "Ma ecco che nel cor tutto gioioso / poi che riveggo la gran Giulia Ursina, / Ma che dirò di lei, s'io non ardisco / dirla donna mortal più che divina?....".
Questi versi elogiativi e di gioia sistematica sono di Mario di Léo; ma un altro poeta le è più vicino, perché è alla corte di suo marito, verosimilmente che Luigi Tansillo fu paggio, in un tempo che deve trovarsi, più o meno, prima e dopo il 1520, dunque, per lei come per lui, è valida la riflessione di Amalia Giordano sulle opportunità che ebbe il giovane poeta di vedere Vittoria Colonna: e forse, anche prima del1a data del 1535 che Francesco Fiorentino assegna all'inizio di quello che considera come l'amore di Tansillo per Maria d'Aragona, "egli dovette conoscere la società di élite che, nell'isola di Ischia, circondava la marchesa di Pescara, per questa ragione anche che, se era al servizio di un Sanseverino, Piero Antonio, principe di Bisignano, egli non potè mancare di avere delle relazioni con lei" (18). "Dama molto bella, descritta come tale da Antonio Castaldo nelle Croniche manuscritte, e d Ludovico Domenichi nella Nobiltà delle donne fol. 244 impresso in Venetia nel 1549", leggiamo in uno dei manoscritti dei Successi che rinvia ad un altro passaggio una fosca storia, per la quale ci basta il riassunto di Borzelli (19), di adulterio, più o meno motivato a causa di una disillusione, finendo con l'assassinio del colpevole il 15 novembre 1537. Essendo poi questo ultimo fatto stato smentito, si è tentati di non credere neanche al resto. In ogni caso, il tempo della sua vita di giovane donna corrisponde al periodo napoletano di Vittoria, e si può includerla probabilmente, non tra le abitanti, ma le visitatrici di Ischia, di quelle che presentano un interesse solamente momentaneo.

Isabella Villamarina (SU)

Diverso è il caso di Isabella Villamarina, una delle figure più simpatiche del tempo, brillante allieva di Pomponio Gaurico, e del suo futuro marito il principe di Salerno, che un legame di parentela univa a Vittoria (20). Tra essi e la marchesa le relazioni furono certamente buone (150), favorite anche dalla presenza di Bernardo Tasso, ed il loro comune orientamento intellettuale dovette più tardi avvicinarli ancora di più; ma soprattutto Isabella sarà, ad Ischia nel 1528, uno dei più graziosi ornamenti - ha allora ventidue anni - di questa corte di rifugiati (21). E sembra che, questa volta, l'autore de L'Amor prigioniero, nella banalità della sua enfasi, abbia, almeno per concludere, un poco meglio provato di chiedere in prestito al reale alcuni tratti: "L'altra Isabella poi, Villamarina, / al volger de' begli occhi, ancor discerno, / in cui si scorge di beltà divina / quanto aver se ne può dal ciel superno / ...."_ Celebrata dai poeti del tempo, ricevette un omaggio lirico da quello che le era più vicino. Certamente l'intesa di questa coppia ornata coi doni del cuore e dello spirito non deve farci totalmente illusione, se ci ritorna in mente la sentenza disillusa di Costanza d'Avalos sulle tre principesse misconosciute. Tuttavia, Ferrante Sanseverino attira la nostra indulgenza per una certa fedeltà affettuosa. Profugo politico in Francia e definitivamente lontano da Isabella, questo grande dotto signore, compositore di musica e poeta, non scriveva un lamento in strofe alternate riferite a lui ed alla sua donna: "Tu ti parti, o cuor mio caro, / e mi lascia in pianto amaro, / e senza alcun riparo, / pensando sempre a te! /.....". Malinconico destino, terminato troppo presto per Isabella, quando, dopo aver, prigioniera (22), ottenuto come un favore di rifugiarsi in Spagna, aveva, nel 1559, la possibilità di ritornare libera a Napoli ed iniziava il viaggio. Il Sanseverino visse fino al 1568.

Giulia Gonzaga (SU)

Non si può dimenticare qui l'una delle donne più conosciute e più imperiose del tempo, Giulia Gonzaga. Tuttavia ella non fa parte, non diciamo del gruppo, ma anche delle relazioni di Vittoria che di lontano e, sembra, freddamente. Solamente più tardi questi destini si troveranno uniti: i nomi dell'una e dell'altra appariranno al processo di Carnesecchi, e sarà l'epilogo di sforzi ostinati ed appassionati, dove bisogna ben vedere un'unione di pensiero e di principio. Invero per noi Giulia è fuori del tempo che ci siamo prefisso per il nostro lavoro. Bisognerebbe quindi non inserirla in tale contesto, se non ci fosse un dettaglio, piccolo, forse verosimile, di un racconto apparentemente falso, che fa entrare questa figura nel nostro studio. Non si sa se è simpatica. Certamente, poteva diventarlo. Giovane molto più di Vittoria, non è al momento della vita brillante e felice della coppia Pescara-Colonna che una futura promessa. Una promessa molto bella, ma ancora in Alto-Italia, la culla della sua famiglia. Che peccato non potere annoverare già tra noi, questa piccola Giulia, così dotata per la musica che, all'età di circa otto anni - il 13 ottobre 1520 - manda a suo cugino, allora marchese, Federico di Mantova, di cui sa che ama la musica e "soprattutto le cose nuove", un mottetto di un compositore contemporaneo. Certamente, la lettera non è scritta di sua mano; ma hanno dovuto leggergliela, addirittura sottomettergliela, e lei avrà collaborato con una gioia infantile ad offrire "un mottetto che ha composto messire Sebastiano Festa servitore del Rev. Mons. di Mondovi", suo zio " mottetto che non è ancora in mano di nessuno"; e, nel gennaio del 1521, ne spedisce un altro. Educazione di principessa, ambiente di corte molto normale al Rinascimento. Giulia, al dire di un professore di suo fratello maggiore, supera di molto le sorelle: sveglia, risoluta, ed affettuosa nelle sue parole, è di carattere dolce; ha delle doti particolari per il canto, mostra facilità per lo studio ed esegue abilmente degli artistici ricami (161). Ma passano alcuni anni. Giulia, a quattordici anni, sposa un vedovo di età matura, Vespasiano Colonna, cugino di Vittoria, ed eccola castellana della contea di Fondi, vicino a Caserta. Resta vedova fin dall'anno seguente. Si vede da allora poco in lei la dolcezza, ma piuttosto uno sviluppo energico del carattere. La bambina così dotata è diventata una donna di bellezza tale che la sua fama si diffonde lontano (163), e sarà nel 1534 - episodio spesso raccontato - vittima di un tentativo di rapimento da parte del corsaro Ariadeno Barbarossa, per conto di Solimano. Un tentativo solamente, perché la giovane donna è molto decisa nel fuggire: sorpresa nella notte, senza perdere tempo nel vestirsi, salta su un cavallo, sua nuora Isabella fa altrettanto e scappano da un lato mentre i turchi arrivano dell'altro. Questo dettaglio che ha colpito le immaginazioni e i ricordi, si ritrova nell'iconografia: una medaglia del ferrarese Alfonso Lombardi, uno dei rari ritratti di prima mano che siano stati fatti di lei, portava nel rovescio la sua effige. Energica, ed anche pungente, sembra; qua e là, si rileva una parola incisiva che viene da lei; ma soprattutto - senza che ci sia modo tuttavia di accettare questa versione ad occhi chiusi - sembra essere stata eccessivamente autoritaria quando si trattò del matrimonio di sua nuora. La storia è complicata, e riguarda i Colonna, almeno quanto Giulia. Vespasiano, figlio di Prospero Colonna e dunque cugino di Vittoria, aveva avuto, dal suo primo matrimonio con Béatrice Appiani, una figlia, Isabella, che lasciò ereditiera della contea di Fondi e del ducato di Traetto sotto la tutela ("la cura ") di Giulia il cui fratello Ludovico, o Luigi, sposò la giovane ragazza nel 1531. Questo matrimonio dura solamente un tempo breve, quello di dare la nascita ad un bambino che si chiama anche Vespasiano. Luigi è ucciso, nel 1532 o 1533, con un colpo di archibugio. Si ha allora la candidatura alla mano di Isabella del nipote di Clemente VII, il giovane Ippolito dei Medici che rinuncia per lei al cappello cardinalizio. Ma il piano fallisce: o per le variazioni di progetti e di ambizioni di Clemente VII per suo nipote, o - dicono i Corona - per l'opposizione di Giulia che avrebbe poi, secondo essi, tentato di sequestrare sua nuora a Sabioneta, di dove si affretta di fuggire. Comunque sia, le due donne sembrano in rapporti non buoni all'epoca della venuta di Carlo V nel 1535. Giulia si lamentò con lui di sua nuora, ma questi non riuscì a riconciliarli, mostrando Isabella un rancore irriducibile. Viene designato un nuovo pretendente, Filippo di Lannoy, che sposò, diventando così principessa di Sulmona. In quanto a Giulia, vedova incline oramai alla meditazione spirituale, fervente discepola di Valdès, passò lunghi anni in convento. La cronaca dei Corona la strascina nel fango, ma nessuno arriva a prendere sul serio tale cosa, nemmeno il Borzelli, lo "scopritore", in una certa misura, dei Corona che si rifiuta di seguire le maldicenze generate dall'intolleranza e dall'odio innestato allora sulle passioni ideologiche, e s'indigna: "la molto bella Donna Giulia Gonzaga, questa anima eletta, che fu, a buon diritto, celebrata da tante persone, non fu atrocemente imputata di amori impuri, lei che fu così casta e viveva solamente per un ideale tutto cristiano?". E l'autore di un lavoro molto coscienzioso su di lei (23) non mette in dubbio, neppure lui, la purezza di questa lunga solitudine. Tuttavia durante i pettegolezzi dei Corona si trova il piccolo fatto che c'interessa particolarmente: Giulia, considerata come eretica e respinta dalla chiesa alla sua morte, dovette essere seppellita, quasi clandestinamente, nel giardino della sua casa di Ischia (24). Il racconto riguardante questa sepoltura è controverso (25), e non sembra avere fondamento. Troppe altre affermazioni mostrano che Giulia fu seppellita, pacificamente e come aveva voluto, nel convento di San Francesco delle Monache, a Napoli, dove aveva passato tanti lunghi anni. Ma di dove è venuta ai Corona la notizia di questo giardino funebre? Perché là, lei non possedeva alcuna proprietà, neppure secondaria? Allora, lasciamo l'interrogativo senza risposta; importa poco in fondo che i suoi resti siano altrove, ma è molto più prezioso vedere mentalmente, talvolta, durante la sua vita, in questa casa, la bella Giulia, "Julium sidus" di Molza, quella che ha esaurito il concerto di lodi: "Giulia è colei ne le cui lode immerso / vegg'ogni stil sublime e dotto petto, / né s'ode in questa età purgato verso / che non s'adorni di sì bel soggetto. / E dovrebbe il Signor de l'universo / mandar l'ingegni antichi a quest'oggetto, poi che 'l valor di questa e la beltade / ha stanchi quei de la presente etade" (L'Amor prigioniero, strofe 75).

Forse, durante l'assedio di Napoli del 1528, vedremo apparire qualche altro viso femminile nel rifugio di Ischia, a titolo puramente episodico. Di quelle che conosciamo già, la maggior parte sono legate per motivi familiari ai signori di Ischia, e, tutte, per una cronaca più o meno lunga, annoveranti spesso un soggiorno nell'isola. Tutte, inoltre, hanno in comune la bellezza, vista, è vero, attraverso i commenti dei poeti. Ma erano giovani, e probabilmente brillanti: i loro successi sembrano provarlo. E poi, che un eccesso di omaggi le abbia circondate, come quelle di Mantova, di Ferrara o di Urbino, non è questo non ciò che costituisce l'atmosfera di una corte?

SU

1) Pubblicato nel 1968 dalle Edizioni Sansoni Antiquariato e dalla Librairie M. Didier di Parigi.
2) Amalia Giordano, La dimora di Vittoria Colonna a Napoli, Napoli 1906.
3) Agostino Falivena, frate servita, nominato nel 1534.
4) Francesco Fiorentino, Nuova Antologia, XLIII fasc. 2/1884; riportato in Studi e Ritratti, 1911.
5) "... ad Isca, dove se retirò la casa del marchese dello Vasto, la bellissima moglie donna Maria d'Aragona...", in Gregorio Rosso: Storia delle cose di Napoli sotto l'impero di Carlo V, Napoli 1770.
6) Genethliacum Carmen, in Diem Natalem Filij Alfonsi Avali Mariae de Aragonia.
7) Tra i quali il giovane d'Azzia. A Pozzuoli veniva Cesare d'Azzia, innamorato di Roberta Carafa contessa di Maddaloni, amica della marchesa; venne anche suo fratello Giambattista, marchese della Terza, che s'innamorò di Maria e lo manifestò in versi. Ella lo lasciò fare con indulgenza. Cfr. Fiorentino, op. cit.
8) Salza, Lettere, I, "12 marzo 1547".
9) Figlia di Innico, marchese del Vasto, e di Laura Sanseverino: era dunque la sorella di Roderico che morì in giovane età e di Alfonso, il marito di Maria d'Aragona.
10) Amalia Giordano, op. cit.
11) Dello stesso grado di Ottaviano Fregoso, la cui madre, Gentile di Montefeltro, era sorella (illegittima) di Agnese; la madre di Francesco Maria è Giovanna di Montefeltro, altra sorella di Agnese che sposò Gio. della Rovere. Sono tre figlie dell'illustre Federico di Montefeltro.
12) Dispensa del Cardinale Antonio S.S1 quattro dirizzata al Vescovo di Pesaro e da questo concessa ad Antonio d'Aragona e ad Ippolita Della Rovere figlia del Duca Francesco Maria I, essendo congiunti in quarto grado d'affinità (26 gennaio 1532). Conferma della dispensa di cui sopra, data da Camillo Alfarabio da Leonessa Vic. di Mons. Simonetta Vesc. di Pesaro (25 aprile 1532).
13) Amalia Giordano (op. cit.) non attribuisce molta importanza all'ipotesi dell'influenza di Vittoria sulla nipote, ma ammette la presenza: "sembra che la giovane Vittoria, figlia di Ascanio, dimorasse spesso con sua zia ad Ischia".
14) Paolo Carafa "nobilissimo Cavalier Napolitano uno de' figliuoli d'Alberico primo duca di Ariano".
15) Vita del Marchese di Pescara, in Tordi, Suppl. al Carteggio.
16) Fino alla morte del marito, lei gli restò fedele; "costantissima", dice Filonico.
17) "rapita occultamente a lei", in Tordi, Vita di Vitt. Col., cit.
18) Amalia Giordano, op. cit.
19) Borzelli, Successi tr. e am. di S. e Asc. Corona; il presunto amante sarebbe Muzio Brancaccio.
20) Antonina Colonna, sorella di Prospero, aveva sposato Antonio Sanseverino; d'altra parte, lo stesso Prospero aveva sposato in seconde nozze Covella Sanseverino (dalla sua seconda moglie Isabella Carafa nacque Vespasiano, che sposerà prima Beatrice Appiani di Iacopo principe di Piombino, e poi Giulia Gonzaga). Cfr. Pompeo Litta, Famiglie celebri italiane, Torino 1875-1886, al nome di Colonna.
21) Gregorio Rosso, Storie delle cose di Napoli, Napoli 1770, citato da A. Giordano, op. cit.
22) Ella era tenuta prigioniera da Toledo per aver inviato denaro a suo marito. Lei era in pare spagnola per nascita, in quanto sua madre era sorella del vicerè Raimondo di Cardona, e aveva sposato Bernardo Villamarina, conte di Capaccio.
23) Benrath Karl - Julia Gonzaga, 1900. Annotando che "la sua fine corrispondeva alla sua santa vita", aggiunge che il suo desiderio di riposare nella chiesa del convento San Francesco "deve essere stato esaudito". La data della sua morte è il 19 aprile 1566.
24) "Al suo corpo fu negata la sepultura in luogo sacrato, e fu sotterrato in una fossa fatta per detto effetto nel giardino della sua casa ad Ischia"; X. C. 21.
25) Gina Algranati, Notizie inedite intorno a Giulia Gonzaga, Napoli, dice di credere alla morte nel convento, secondo i biografi più accreditati e la testimonianza di una lettera a Vespasiano pubblicata da Affò. Si tratta, evidentemente, del nipote di Giulia.

su