La Rassegna d'Ischia 2007 n. 5
  Home  | Indietro


Canti popolari della vendemmia a Ischia


di Gina Algranati
Una delle manifestazioni collettive, che si presta, ma non sempre ai canti e alle danze, è la vendemmia, che con­serva qui tutti i caratteri tradizionali.
Bando alle macchine agricole, nell'isola verde, non c'è posto per esse nel terreno convulso: tra una colata di lava, divenuta contrada, e l'altra divenuta strada, tra un cratere, coperto di ciuffi verdi e mascherato dai cespugli e una valletta zampillante d'acqua sorgiva, tra sentieri e balze basta la zappa, pei solchi. E per le vigne e la vendemmia bastano i mezzi consacrati dalla tradizione antica.
Le viti sono talvolta coltivate basse, nel suo fosso ciascu­na, e i suoi verdi pampini ricoprono i grappoli maturi; o si distendono in pergole basse, per cui basta chinarsi o tende­re la mano per colmare le ceste.
Gli uomini usano, per il taglio dei grappoli, delle marrazzelle (roncigli; marrazza è la falce) e le ragazze (piciocche) dei coltellini.
E mentre raccolgono, stornellano,
Ecco un esempio:

Voce maschile: Uh! quant'è bedda l'aria de lu mare...
Voce femminile: Lu core miu me lice de partire...
Voce maschile: Nce sta la figghia de lu marenare...
Voce femminile: Tanta ch'è bedda, che me fa murire!

Nu juorno me ce voglio arresecare,
'Ncopp'a la casa soia voglia sagghie,
Tanto m'a voglio stregnere e basare,
'Nfine che diciarrà: Amore, lasceme ire!

Molte canzoni d'amore, come per il canto "a zappa" s'a­dattano alla vendemmia; ma eccone una tipica:

A la vigna vaie, a la vigna vengo,
Tu cuoglie l'uva nera e i' la janca;
Tu vaie a fa' lu lietto e i' pur 'nce vengo,
Tu spanne le lenzola e i' la manta,
Tu te la vaie a cuccare, i' pure nce vengo,
Tu te cucche mmiezo e i' a lu scianco.

Le ceste dell'uva raccolta si vuoteranno nei palmenti (larghe vasche rettangolari in muratura), dove l'uva si pigia con moti di danza e da cui il mosto discende a raccogliersi in altri palmenti.
Il profumo della terra o quello dolciastro e crudo del mo­sto stanno bene anche qui con gli svelti canti, che accompa­gnano i danzatori; che sul grappolo premuto si danza e si canta e, di tanto in tanto, per darsi lena, si butta giù un lar­go sorso di vino dell'anno precedente. I raccoglitori scambiano sguardi e canzoni sotto il cielo settembrino, i pestatori sgambettano e si dan di gomito.
La festa della vendemmia, che può durare un giorno o più giorni, a seconda dell'estensione del vigneto, finisce con una tavolata; il vino è una delle migliori ricchezze del­l'isola e, come canta il Perruccio ne "L'Agliaio zeffanato":

Chella bell'Isca, ch'è famosa ancora,
che stace sempe carreca... de vino.

(da "Cantipopolari dell'isola d'Ischia" di Gina Algranati – in Il Fluidoro - 1977)

SU