Home

Da Napoli a Ischia 1
Da Napoli a Ischia 2
Il porto d'Ischia
Piccola storia del porto
Ischia nel mito
Ischia nel mito (note)
La Campania di Strabone
Note testo Strabone
Isola di Tifeo
Novella del Boccaccio
Novella del Verga
Ischia nel 1848
Ischia 1907
Lirismo per Ischia
La scoperta di Ischia
Un'estate a Ischia...


 


Ischia

di Giovanna Vittori in "Natura e Arte", 1907


Chi vuole avere una incancellabile impressione dell'isola d'Ischia, deve approdare a Porto d'Ischia, una bellezza orientale pei colori del cielo e del mare che si rinserra tra la terra in due seni, uno vestibolo all'altro, e l'interno di figura bizzarrissima, incurvandoglisi intorno, verso oriente, una stretta lingua di terra rettangolare tutta un giardino vaghissimo alla cui estremità fecero i Borboni, che l'isola predilessero, sorgere un coffee-house sorridente al cielo per la linea armoniosa della pagoda, i colori pittoreschi e gli alberi che s'inchinano poeticamente ad ombreggiarla.
Le barche bianche, rosse, dalle tinte più varie e vivaci vogano lietamente incontro al piroscafo, ma i viaggiatori indugiano rapiti nella contemplazione di quella deliziosa scena della natura che si svolge innanzi ai loro occhi in un silenzio devoto. Accostandosi alla riva, gli uccelli dal Boschetto Reale, invisibili, l'interrompono col garrire festoso. Dalla riva il quadro stupendo del mare, del cielo, della cornice d'alberi che la brezza marina muove dolcemente verso l'acqua, è anche più bello. Nelle ore crepuscolari da una parte l'isola di Procida con la sua linea luminosa alla falda delle case, delle chiese di cui i campanili si sollevano sulla montagna, dall'altra la linea dei paesi flegrei che va lentamente sfumando verso il Golfo di Gaeta e, dietro Procida, i monti della costiera e il Vesuvio, che anche a così grande distanza s'annunzia per la vaga nuvoletta di fumo che bacia il cielo, circoscrivono lontano lontano il mare che a Porto d'Ischia appare limpido lago tra verdissime sponde, scintillantemente azzurro.
A Porto d'Ischia il Palazzo Reale col Bosco, la Chiesa di Portosalvo, collocata sapientemente di fronte all'unico porto dell'isola, salvezza dei naviganti, lo Stabilimento balneare, elegante, meritano una visita, prima che in carrozza si voglia volgere all'est o all'ovest del porto, dirigersi cioè a Forio d'Ischia o ad Ischia propria, la bella cittadina che dà nome a tutta l'isola e che è ricca e superba dei suoi ricordi storici. (...)
A Lacco le donne col bambino in braccio lavorano svelte svelte, anche camminando per via, cordoni di paglia, con cui poi si fanno cesti, borse, oggetti d'ogni genere. Fermatevi sull'uscio d'una povera casa: la mamma lavora contornata dalle sue bambine che, felici, agitano le piccole dita, intrecciando la paglia benedetta. Nella scuola di perfezionamento, fondata dopo il fatale ultimo tremuoto dalla duchessa di Ravaschieri, dalla signora Palumbo e da madame Meuricoffre, che misero nell'opera loro squisita intelligenza di carità e d'arte, si eseguono lavori deliziosamente belli, ricami che gareggiano coi ricami in oro, tanta luce diversa hanno le diverse qualità di paglia che vi si adoprano, tanta varietà di riflessi ha quel miracoloso filo di segala a seconda dell'inclinazione del punto, del raggio obliquo o diretto che vi cade. Oltre questi lavori, non accessibili a tutte le borse, se ne fanno migliaia ad intreccio d'una precisione infinita, candidi o variopinti leggerissimi, e se ne eseguono anche di quelli a cordone, non di troppo buon gusto certo, ma solidi e opportuni per mettere a profitto l'operosità di donne e fanciulle capaci solo d'un lavoro meccanico. Vendono alle fabbriche per mezzo soldo un metro di cordone e ne costruiscono anche al buio tanto hanno gli occhi nelle dita.
La via che si percorre da Lacco a Forio - il paese ricco dell'isola - è tutta una festa di verde e di luce tra montagne e mare storiche torri e grotte e valli, e sale sensibilmente. A Forio, una cittadina tutta linda di cui il benessere si nota anche solo a traversarla, si va specialmente per vedere il tramonto da una specie di terrazza sul mare che circonda la Chiesa del Soccorso, e ne val la pena.
Il momento, in cui l'igneo globo del sole pare dietro Ponza tuffarsi nell'onda, nello stesso piano in cui vi trovate, coi suoi riflessi d'oro sulle case, le nubi vaghissime che l'accompagnano nel tolemaico viaggio, vi fanno provare un dolcissimo godimento estetico. Il sole è sparito: la scena cambia; l'isola di Ponza, dietro cui si precipita, si disegna nettamente sull'orizzonte e restan fasci di luce rossa, aranciata, intensa tra mare e cielo. Spettacolo sempre commovente e indescrivibile quello del tramonto, imponente se, come a Forio, mare e cielo senza confini si stendono dinanzi a voi e le montagne chiudono il quadro!
Mentre a Porto d'Ischia il tempio, di cui Ferdinando II metteva la prima pietra, poteva intitolarsi di Porto Salvo, del Soccorso s'intitolò il tempio votivo che sorse sulla punta dell'isola che si protende sul mare, perché l'acqua freme quasi sempre in quel punto e i marinai si votano al Crocifisso, alla Madonna e, quando approdano, a ricordo del soccorso, non invocato invano, lasciano testimonianza della loro fede nel tempio la cui cupola di lontano, nell'ampiezza del mare, parlò di speranza.
Il Crocifisso è di legno e narrano fosse trovato sul lido. Sul corpo del Crocifisso il marinaro riconoscente appunta medaglie, monete d'oltre oceano, orologi; ciascuno quello che teneva più caro, sicché il legno è sparito sotto migliaia di oggetti diversi e quel Cristo, nel buio della cappella ove si venera, ha qualche cosa di misterioso, di lugubre che mette spavento. Ma nessuna più caratteristica chiesa di questa del Soccorso, slanciata nel mare, sulla punta che del Soccorso si chiama, colle sue immagini misteriose, coi bastimenti in miniatura sui capitelli delle povere colonne negli angoli, dovunque, con mille incisioni rappresentanti navi francesi, spagnuole, americane in cui tutto il frasario votivo venne adoperato.

su