Home

Da Napoli a Ischia 1
Da Napoli a Ischia 2
Il porto d'Ischia
Piccola storia del porto
Ischia nel mito
Ischia nel mito (note)
La Campania di Strabone
Note testo Strabone
Isola di Tifeo
Novella del Boccaccio
Novella del Verga
Ischia nel 1848
Ischia 1907
Lirismo per Ischia
La scoperta di Ischia
Un'estate a Ischia...


 


Lirismo per Ischia

di Diego Bellini ( in rassegna turistica Ischia Oggi, luglio 1964)

Vi giunsi e non volli più andarmene. Non volli più mollare l'abbraccio sì caldo che tu mi offristi nel meriggio di quell'agosto lontano. I miei sensi, la carne e più ancora lo spirito bevvero la pozione che tu loro porgesti e dimenticarono il resto del mondo per nutrirsi di te, del tuo verde, del tuo mare, dei tuoi scogli, della tua pietra lava. Tu hai la grazia delle Ninfe marine e la calda afrodisiaca opulenza  di Aglaia, Talia ed Eufrosine. Di Aglaia hai la bellezza radiosa che si esprime coi freschi mattini ed i conturbanti tramonti marini. Come Talia sei fiorente e sì ricca di carico verde che plachi e ristori le pupille eccitate e furenti. E di Eufrosine hai gaiezza e letizia che fanno di ogni mortale una creatura partecipe di una giovinezza gareggiante col tempo che mina e che sfalda.
Io venni e mi immersi nella tua fragranza di alghe marine, mi elevai nel cantico della tua natura varia e dolcissima frugando in rapimento in ogni piega delle armonie che tu sola sai sprigionare dai contrasti che ti fanno figlia del mare e della terra. Ho letto sulle pietre rugose e rimosse la tua storia di ieri, i tuoi fasti, nefasti e le glorie. Ho compulsato  le dovizie di note e da ognuna traspare che il tuo carattere perenne è immutabile perch0 nel tuo grembo albergano con le Grazie le Muse. I tuoi seni e le baie, le punte di roccia emergenti e protesi nel mare più azzurro raccontano favole belle che fugano ogni corruccio. I seni, le baie e le punte di roccia, naturali ripari di piccoli gusci natanti, ne parlano agli zefiri dolci che li soffiano nelle gole e gli orecchi degli uomini nuovi con la profonda gravità di un coro di tregenda smuovendone ogni fibra. Cartaromana, scogli di S. Anna, Castello Aragonese, baia dei Pirati e casa di Michelangelo, spiaggia dei Maronti, S. Angelo, baia di Citara, Soccorso di Forio, punta Caruso, Lacco, Casamicciola, Epomeo, Serrara Fontana: non nomi posti a caso ma autentiche gemme della tua aureola sfavillante. Tu sei lo scrigno di una preziosa raccolta che Iddio ha affidato al Tirreno verde-azzurro.
Se vago di notte sulle tue nere scogliere mi sembra di udire partenope ed Orfeo continuare l'impari gara del canto interrotto dal tonfo. Mi esalto ed intristisco e ricerco ancor più il tuo abbraccio di ieri, di oggi, di sempre.