Le Vie d'Ischia - Stradario

Toponimi e stradario

Toponimi di contrade comunali. Denominazioni riscontrate in antichi atti notarili:
Barano: Chiummano (1587), Coste (1613), Cufa (1607), Finestra (1540), Lezze (1658), Luogo (1527), Molara (1597), Mortito (1418), Pantano e Pezze (1400), Rosanella (1589), Succellaro (1588), Tensio e Tocco (1520)Terranivola (1610).
Ischia: Cales o Cauza (1420), Cava del fico (1413), Corbone (1524), Terra Zappata (1612).
Fontana: Bocca di Mottola (1538), Caraponto (1604), Paraviglia e S. Andrea (1538), Schiappa di Bandina (1529).
Moropano. Orto (1559).
Lacco: Corticella o Corte (1432), Fango (1509), Matarangola o Mercogliano (1418).
Panza: Cesa (1621), Grotta di Marra (1529).
Forio: Acquasorgente (1538), Baiola (1605), Bocca (1470), Carano (1592), Cavallara (1627), Cerqua di S. Maria (1538), Costa (1614), Curto (1567), Fusaro (1525), Langellone (1538), Mangiapesco (1612), Piellero (1561), Quercia di S. Maria (1509,), Schiappa di S. Maria (1543), Zappino (1440), Zaro (1612).
Casamicciola: Casa Cumana (1541), Calabraca o la Ficara (1464), Pezza (1524), S. Barbara (1512).

Stradario. Le strade isolane sono spesso omonime delle località che attraversano, costituendone parte integrante e a volte esprimendone la stessa conformazione fisico-territoriale: Campotese, Chiena, Montecorvo, Mezzavia, Cotto, Matarace, Molara, Succhivo, Cartaromana, Campagnano, Castiglione, Sentinella, Cesa, Fango...
La storia con i suoi eventi e personaggi è presente un po’ in tutti i comuni, anche se negli ultimi tempi essi sono stati quelli maggiormente soggetti ad essere eliminati per nuove denominazioni: ricorrono le date del IV novembre (Lacco, Serrara) e del XXIV maggio (Serrara), la capitale Roma (in tutti i comuni), i personaggi Cristoforo Colombo (Ischia, Forio, Lacco), Giuseppe Garibaldi (Barano, Casamicciola), Nino Bixio (Barano), Umberto I (Barano, Forio, ma sostituito con Francesco Regine, Casamicciola), Vittorio Emanuele; particolarmente ricordati i ministri che molto si adoperarono per le popolazioni colpite dai terremoti del 1881 e 1883: Genala e Depretis.
Frequente il toponimo con i casati di famiglie: Casa Mattera (Serrara), Cà Mormile (Ischia, Barano), Casa Siano (Lacco), Casa Sperone (Casamicciola), Casa Battaglia, Casa Patalano, Casa D’Abund, Casa d’Ascia, Casa Di Maio, Casa Fiorentino, Casa Lombardi, Casa Migliaccio, Casa Polito, Casa Schioppa (Forio).
Molto diffuso ovviamente l’uso delle intitolazioni con i nomi dei santi: S. Vito, S. Angelo, S. Pietro, S. Francesco, S. Nicola, S. Gaetano, S. Restituta, S. Giovan Giuseppe della Croce...

Sono inoltre spesso ricordati nei vari comuni cittadini benemeriti che si sono distinti in periodi bellici, sacrificando la propria vita per la patria, o che hanno dato lustro al paese con la loro attività nei vari campi artistici, culturali, politici.