Isola d'Ischia
- Piccolo dizionario storico topografico biografico

(voci tratte dal libro "Isola d'Ischia - tremila voci titoli immagini" di Raffaele Castagna, edito da La Rassegna d'Ischia)


A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
-     Home
....

 

Quadra, Beatrice   
Quaglia
Quaranta, Camillo Bernardo
Quercia (La)
Quiescenza

 

 
   

    Quadra, Beatrice. Nobile napoletana, che fondò nel 1574 sul Castello il convento delle monache dell’Ordine francescano di S. Chiara d’Assisi (le Clarisse) sui ruderi della casa già appartenuta alla famiglia dei Salvacossa o Cossa. Dapprima Beatrice con un certo numero di compagne si erano insediate nell’eremo dell’Epomeo, ma dovettero poi abbandonarlo per le difficoltà di sopportare le intemperie del luogo. Il convento del Castello fu abbandonato nel 1810 e le monache si trasferirono in quello di S. Antonio, poi chiuso anch’esso nel 1911.

    Quaglia. Uccello, la cui caccia era molto praticata in tempi remoti. Un metodo di cattura era quello di stendere una lunga rete intorno ad una piccola valle e gli uccelli, arrivando con rapido volo dal mare, vi restavano impigliati in grande abbondanza. Erano i primi tepori della primavera a portare verso i lidi isolani questi uccelli migratori. Una espressione ne caratterizzava il fenomeno: «‘u tràsëtë le quaglië», insieme con una filastrocca legata alla fine della specifica caccia e della festa di S. Restituta: «A Santa Restituta (17 maggio) le fave so’ rennute, le quaglie so’ fernute, li turche so’ partute».

    Quaranta, Camillo Bernardo. Commessario della Real Marina di Napoli, Cavaliere dell’Ordine di Francesco I, direttore di scogliere e funzionario borbonico, ottenne dal re Ferdinando II nel 1853, pur non essendo né ingegnere né architetto, la direzione ed esecuzione dell’opera di trasformazione del lago d’Ischia in porto. In effetti aveva già partecipato alla costruzione di vari porti del regno, come Nisida, Trani, Castellammare, Bari, Ortona...

    Quercia (La). Abitato lungo la omonima strada borbonica (costruita nel 1788) che congiunge Porto d’Ischia con Casamicciola, un tempo unica via di comunicazione più verso l’interno. Qui sono ancora presenti l’indicazione lapidaria, sotto una annosa quercia, dei confini tra i due comuni, ed un’altra che ricorda l’antica Villa dei Bagni: ambedue giacciono neglette, consunte dal tempo e destinate all’oblio e alla scomparsa.

    Quiescenza. Stato di un vulcano che non si trova in attività e che perciò non emette prodotti magmatici, ma manifesta chiari segni di attività endogena. Antonio Stoppani ne “Il bel Paese” definisce questo stato di morte apparente “fase di estinzione o ischiana”.

  <<<