Isola d'Ischia
- Piccolo dizionario storico topografico biografico

(voci tratte dal libro "Isola d'Ischia - tremila voci titoli immagini" di Raffaele Castagna, edito da La Rassegna d'Ischia)


A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
-     Home
....

 

Officina Ischitana delle Arti Grafiche
Ohmuchivich, Pietro
Oleander Dancing Marietta
Oliva, Patrizio
Olivata (Sant’)
Olivier, Lawrence
Olmitello
Ombrasco
ONMI
Onorato, Bernardo
Onorato, Raffaele
Onorato, Vincenzo
Opera Pia Genala
Opifizio Lavoro e Carità
Orlich, Leopold von
Orsa Maggiore, L’
Orticultura
Ospedale Anna Rizzoli
Ospedale di Forio
Osservatorio geofisico
Ottaviello
Ovidio, Publio Nasone 

 

 
   

    Officina Ischitana delle Arti Grafiche. Casa editrice fondata nel 2002 da Riccardo Sepe Visconti; nel 2005 ha avviato anche la pubblicazione del periodico “Ischiacity”.
    Ohmuchivich, Pietro. Conte di Ragusa, l’attuale Dubrovnik nella Croazia, fu ospite di Testaccio per cure, con la moglie Anna Staj, presso la casa del sacerdote don Simone Buono. Qui morì nel giugno del 1761 ed  è sepolto sotto la cappella del SS.mo Rosario nella parrocchia di San Giorgio.
    Oleander Dancing Marietta. Ristorante e night di Lacco Ameno, molto in voga negli anni iniziali dello sviluppo turistico isolano (1950). Vi si svolgeva nel mese di agosto una selezione del Concorso Miss Ondina, organizzato dal settimanale Sport Sud di Napoli.
    Oliva, Patrizio. Pugile napoletano, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Mosca. Alcuni importanti incontri li ha disputato a Forio: così l’11 novembre 1981 vi conquistò il tricolore dei superleggeri battendo Russi (presente la TV nazionale); e poi lo difese contro Antino, Martinese e Navarra, fino alla vittoriosa sfida europea con il francese Gambini (5 gennaio 1983).
    Olivata (Sant’). Oliva o Olivata, santa di cui il Capaccio scrive che l’isola d’Ischia conserva il corpo, come quello di S. Restituta. Un riferimento si trova anche nell’ “Italia sacra” di Ferdinando Ughelli. Ma non ci sono altri indizi e si resta sorpresi in merito a queste citazioni, come ebbe ad annotare anche Onofrio Buonocore.
    Olivier, Lawrence (1907-1989). Attore e regista inglese venne a trascorrere un periodo di riposo a Forio, ospite del compositore William Walton, nel 1956, dopo le fatiche del film Riccardo I. <<<
    Olmitello (o Ulmitello). Bagno che scorre a mezzogiorno tra il promontorio dei Maronti e S. Angelo. Fu detto da Iasolino anche bagno di Doiano o delle Principesse.
    Ombrasco. Valle e collina nel territorio di Casamicciola così descritta da G. Iasolino nella prima redazione del libro sulle acque ischitane, ma poi non riportata nel testo pubblicato: «Questa silvetta è veramente uno recettacolo, e quasi luogo secreto di moltissimi uccelli, et in quello lochetto per la temperata clemenza di quell’aria, et cielo, et per esser luogho aprico, in tutti li mesi dell’anno si sentono gridare le merule, cantare i uscignoli, et moltissimi altri uccelletti come in una perpetua primavera, non facciono canti e musiche a certi tempi solamente, et interrottamente, ma nel mezzo di quella selva continuamente si odono concerti e canti suavissimi d’uccelli. In questo sicurissimo luogho et ricetto nel tempo dell’inverno fugendo i crudi freddi, da altrove si trovano fasani, pernici, quaglie dove ogni anno anchora facciono i nidi, in quel luogho perpetuamente nell’estate vanno saltando e scherzando caprioli selvaggi e vi concorrono i paurosi lepri et li caprioli giovani e leporini, senza spavento alcuno, vanno ivi saltando, et rallegrandosi» (brano citato da P. Buchner).
     ONMI (Opera Nazionale Maternità e Infanzia). Istituzione sorta nel 1942 per l’assistenza alle ragazze madri sotto la direzione del dott. Sebastiano Caffo, assolse questa funzione sino al 1946, quando si trasformò in Reparto Ostetrico aperto a tutte le donne dell’isola. Vi prestarono la loro opera i dottori Ferrandino, Manzi e Zunta. Poi nel tempo i locali in via A. De Luca sono andati via via assumendo altre funzioni, nell’ambito del presidio sanitario locale. <<<
    Onorato, Bernardo (Ischia 1700–Trevico di Avellino 1773). Sacerdote, dopo aver ricoperto l’incarico di cappellano delle truppe stanziate in Ischia che avevano la loro cappellania curata nel Maschio del Castello, fu nominato a soli 39 anni vescovo di Trevico e Vico della Baronia in Irpinia. La famiglia Onorato diede molti preti alla Chiesa.
    Onorato, Raffaele (Ischia 1780-1844). Canonico arciprete della Catterale d’Ischia, considerato a volte autore del Ragguaglio istorico topografico (v.), manoscritto adespoto del Fondo di S. Martino della Biblioteca Nazionale di Napoli.
    Onorato, Vincenzo (Ischia 1739-1829). Arcidiacono della Cattedrale d’Ischia, autore secondo ricerche di Agostino Lauro del manoscritto intitolato Ragguaglio istorico-topografico dell’isola d’Ischia (v.), conservato presso la Biblioteca Nazionale di Napoli, fondo S. Martino n. 439.
    Opera Pia Genala. Ente morale creato nel 1885, per iniziativa del ministro Genala, con capitale iniziale di lire 60mila: con i proventi ricavati si dovevano assegnare cinque borse di studio a figli di danneggiati dal terremoto 1883, scelti da una commissione dei sindaci. All’inizio del 1900 si voleva trasformare l’Opera Pia e con i relativi fondi costruire un ginnasio in Casamicciola, ma la loro esiguità bloccò questo progetto. Il Buonocore, da cui sono tratte queste note, non dice fino a quando abbia avuto vita l’ente; ancora nel 1941 ne troviamo citato quale presidente Erasmo Lombardo, commissario di Casamicciola. <<<
    Opifizio Lavoro e Carità. Scuola di perfezionamento per i lavori di paglia fondata a Lacco Ameno il 18 maggio 1884 da un comitato napoletano composto dalla Duchessa Teresa Fieschi Ravaschieri, nata Filangieri, Madame Oscar Meuricoffre e Rosa Palumbo Buono. Queste signore vollero perpetuare le opere di beneficenza compiute nei comuni danneggiati dalla catastrofe del 1883. Fu loro prima cura di invocare la protezione del governo per la nascente istituzione e l’8 giugno 1885 conseguirono dalla Maestà del Sovrano Umberto I la facoltà di innalzare lo stemma reale nella sede dell’opifizio. Furono prodotti lavori di paglia che si esportarono in varie città europee. <<<
    Orlich, Leopold, von. Pittore prussiano che nel 1852 soggiornò a lungo ad Ischia. Nei suoi scritti sono contenute molte notizie storiche e geografiche relative all’isola d’Ischia.
    Orsa Maggiore, L’. Galleria d’arte di Vincenzo Colucci ad Ischia.
    Orticultura. Attività che l’espansione edilizia ha fatto scomparire del tutto. L’area di utilizzo coincideva con zone dotate di una ricca falda freatica (in gergo palure); l’acqua veniva estratta a mezzo delle norie e, spesso venendo su calda per la presenza delle fumarole, bisognava lasciarla raffreddare in apposite vasche costruite nel tufo, prima di immetterla nei solchi di irrigazione. <<<
    Ospedale Anna Rizzoli. Opera realizzata da Angelo Rizzoli ed affidata inizialmente agli Ospedali Riuniti di Napoli, inaugurata ufficialmente il 21 ottobre 1962, anche se già in funzione da un anno, con la partecipazione del Presidente del Consiglio dei Ministri, on. Prof. Amintore Fanfani. Furono allora consegnate al Cav. Angelo Rizzoli una Medaglia d’oro ed una Pergamena-ricordo a nome delle Amministrazioni comunali dell’Isola d’Ischia. Dal 29 aprile 1982 passò sotto la gestione dell’Unità Sanitaria Locale (USL).   
    Ospedale di Forio. Fondato nel 1596, vi erano accolti gli ammalati poveri di Forio e dei centri vicini, nell’ambito delle forme di assistenza legate alla chiesa di S. Maria di Loreto. In una relazione ad limina del vescovo d’Avalos (1637) si legge: «In Villa Forigii adest Ecclesia S.tae Mariae dello Reto, cum Hospitale sub redimine Magistrorum laicorum». Ripristinato all’inizio degli anni 1950 per iniziativa di un gruppo di foriani, tra cui il comm. Enrico Monte e il dott. Luongo, priore dell’Arciconfraternita. Chirurgo era il dott. Corvino. Nel 1957 il Luongo si dimise da direttore amministrativo e fu nominato un commissario nella persona del prof. Vincenzo Mennella di Lacco Ameno, nomina che suscitò molte polemiche per non essere stato scelto un professionista foriano. L’apertura dell’Ospedale A. Rizzoli portò alla chiusura del complesso di Forio. <<<
    Osservatorio geofisico. Istituzione avviata in forma privata negli anni 1880/81 dal Padre Barnabita Denza, utilizzando locali accessori della chiesa parrocchiale di Casamicciola allora in Piazza Maio. Di questo primo tentativo non si hanno però notizie precise, forse perché tutto l’arredamento andò perduto a causa del terremoto del 28 luglio 1883. Proprio dopo tale evento, che sconvolse la cittadina isolana, lo Stato provvide ad istituire con proprio decreto un osservatorio geofisico, disponendo per la costruzione di una adeguata sede di proprietà demaniale sulla collina della Sentinella (1885). Poiché la costruzione si protraeva a lungo, si decise di installare l’osservatorio a Porto d’Ischia, in un angolo dell’antica Reggia (1888), sotto la direzione di Giulio Grablovitz, triestino. Nel 1898 fu disposta l’utilizzazione della sede di Casamicciola, anche se continuò ad essere attivo anche l’impianto di Porto. Nei tempi a noi più vicini, il prof. C. Mennella ha sempre prospettato la necessità di meglio sfruttare questa istituzione, ma non ha mai trovato giusto riscontro negli organismi politici. Oggi è sede di manifestazioni culturali, ma lo Stato ne ha più volte proposto la vendita.
    Ottaviello località di Barano.
    Ovidio, Publio Nasone (43 a. C. - 17 d. C.). Poeta latino che nelle sue Metamorfosi riporta la duplice denominazione di Inarime e di Pitecusa e dice l’isola abitata dai Cercòpi
.

  <<<